UP ON. La nuova miscela polimerica verde a prevalente contenuto di polipropilene.

Nuove applicazioni profittevoli per tecnopolimeri innovativi e polimeri tradizionali nell’industria del mobile.

Il policarbonato ha trovato le sue utilizzazioni più conosciute sino ad anni recenti nella produzione di oggetti per l’elettronica di consumo (i CD e i DVD, in particolare, grazie alle sue proprietà elettriche), così come nelle soluzioni tecnologicamente avanzate per il settore delle costruzioni, ogni volta che una trasparenza ed una luminosità di elevata qualità sono richieste, insieme alla leggerezza, associate però ad una estrema resistenza del materiale; ciò grazie, da un lato, alle sue distintive proprietà ottiche (il policarbonato infatti è più trasparente della maggior parte dei vetri silicei), e, d’altra parte, al suo essere molto più leggero del vetro, ma allo stesso tempo molto resistente (il policarbonato ha infatti una notevole resistenza agli urti ed ai colpi, e mostra una marcata attitudine a sopportare elevate pressioni, sia statiche, che dinamiche, tanto nella direzione verticale, quanto in quella orizzontale). Oltre a ciò, anche la possibilità di lavorare sul policarbonato con la tecnologia degli stampi ad iniezione a gas è altamente apprezzata, a differenza di quanto accade con più tradizionali ed economici sostituti del vetro, come ad esempio il vetro acrilico (tecnicamente parlando il metil-metacrilato, oppure, commercialmente parlando, il vetro acrilico, o plexiglass) che può essere solo utilmente termoformato da lastre piane.

Per quanto riguarda l’industria del mobile, ed in particolare della sedia, l’utilizzazione del policarbonato è stata limitata sino al presente, alla fascia più elevata dei prodotti di design, combinando la brillantezza della superficie in policarbonato con la possibilità del design innovativo, consentita dalla libertà di forma che la tecnologia degli stampi ad iniezione a gas garantisce. Il prezzo medio di questi prodotti ha pertanto discriminato sino ad ora la maggior parte dei consumatori comuni, restringendo concretamente la possibilità di acquisto ad una elite di consumatori innovativi.

La missione di GRANDSOLEIL è al contrario quella di rendere il policarbonato alla portata del consumatore medio, mettendo questo materiale in competizione anche con la più tradizionale materia prima per l’industria del mobile, ovvero il legno. Affidandosi alla qualità ed efficienza della propria produzione, dovuta alla tecnologia avanzata delle presse e degli stampi, traendo vantaggio dalle proprietà ottiche del policarbonato, così come dalla sua estrema resistenza, essendo anche in condizione di sviluppare strutture e forme nella più ampia libertà espressiva, GRANDSOLEIL può effettivamente rendere oggi obsoleta la tradizionale distinzione tra sedie da interno e da esterno, grazie alla versatilità garantita dal policarbonato (e dai tecnopolimeri innovativi derivati dal polipropilene), e può commercializzare il policarbonato come una alternative economicamente attraente, ed otticamente superiore a differenti materiali tradizionali, tra cui il legno, dando anche –sempre in confronto ai materiali tradizionali- risultati comparabili, o superiori, per quanto riguarda la robustezza e la leggerezza. Il rischio del graffio può essere significativamente ridotto, adottando le corrette “ricette” chimiche per il policarbonato, e con specifici trattamenti superficiali. Entrambe le cose sono difficilmente fattibili, per esempio, con il metacrilato, che mostra purtroppo sempre una forte predisposizione al graffio.

Essendo cosciente del complesso di queste possibilità che nel loro insieme garantiscono elevati volumi di vendita, GRANDOLEIL sta intenzionalmente orientando il proprio design nell’alveo della grande e classica tradizione della sedia italiana tra gli anni cinquanta e novanta, principalmente realizzata in legno, provvedendo una rilettura ed una ridefinizione di quella tradizione, alla luce delle nuove possibilità espressive offerte dal policarbonato.

Infine, anche in confronto alle semplici sedie dotate di gambe metalliche e con seduta realizzata in acrilico termoformato, la efficienza e la velocità raggiunte dalla produzione di GRANDSOLEIL, realizzata in policarbonato, hanno portato i costi di quest’ultimo significativamente vicini a quelli del metacrilato, fornendo un prodotto che, tuttavia, è strutturalmente più robusto, sia come capacità di sopportare pressione e peso, sia in termini di resistenza all’urto. Ciò, poiché il metacrilato, specie se è stato termoformato in modo significativo, e forato, si comporta in modo fragile, talvolta in modo impredicibile, specialmente sotto l’azione di una forza d’urto.

Accanto a ciò il policarbonato ha una maggiore trasparenza del metacrilato (che non è mai trasparente quanto i vetri silicei). Ciò è vero soprattutto nella versione non colorata, laddove il metacrilato mostra un residuo giallo di fondo che non può essere totalmente rimosso. In ogni modo, il confronto con il metacrilato deve essere necessariamente ristretto a pochi esempi, perchè il metacrilato può essere utilizzato solo per semplici sedute, a causa delle limitazioni del processo di termoformatura da lastra piana, piuttosto che per sedie complete, che, al contrario, rappresentano la vera possibilità del policarbonato, grazie alla tecnologia degli stampi ad iniezione a gas. Il policarbonato rende libero il design della sedia.

Ultimo, ma non minore dettaglio, la introduzione, accanto al policarbonato, di tecnopolimeri innovativi, derivati dal polipropilene (IGAP ha registrato questi materiali con il trademark di ed ) darà ai nostri clienti la possibilità di commercializzare sedie con una superficie brillante e high glossy , che imitano perfettamente, dal punto di vista visivo, la superficie in policarbonato, nella versione lucida, ma sono caratterizzate da un livello di prezzo, nel range UPON, molto vicino a quello delle sedie in polipropilene standard. GRANDSOLEIL sta rendendo la cosa possibile, passo dopo passo, anche per sedie molto leggere e strutturalmente complesse, incluse, nel futuro prossimo anche le sedie con gambe metalliche cromate.

Anche questa risulterà una innovazione significativa per il mercato, poiché le superfici brillanti ed ultralucide rappresentano al presente, e nel prossimo futuro, un trend di sicuro successo, soprattutto per il pubblico dei giovani consumatori.

B-Side

Colori disponibili:

Little Rock

Colori disponibili:

Nilo

Colori disponibili:

Sedia Femme Fatale

Colori disponibili:

Gruvyer

Colori disponibili:

Joker

Colori disponibili:

Cristal light

Colori disponibili:

Hypnotic

Colori disponibili:

Sedia Dune

Colori disponibili:

Lollipop

Colori disponibili:

Candy mat

Colori disponibili:

Sedia Groove

Colori disponibili:

Calima

Colori disponibili:

Aeterna

Colori disponibili:

Lollipop slitta

Colori disponibili:

Candy mat slitta

Colori disponibili:

Groove slitta

Colori disponibili:

Calima slitta

Colori disponibili:

Aeterna slitta

Colori disponibili:

Lollipop

Colori disponibili:

Candy mat

Colori disponibili:

Sedia Groove impilabile

Colori disponibili:

Calima impilabile

Colori disponibili:

Sunshine

Colori disponibili:

Fashion

Colori disponibili:

Temptress

Colori disponibili:

Florence

Colori disponibili:

London

Colori disponibili:

Ice

Colori disponibili:

Cream

Colori disponibili:

Woody

Colori disponibili:

Cocco

Colori disponibili:

Poltrona Gruvyer in polipropilene

Colori disponibili:

Gruvyer in polipropilene

Colori disponibili:

Paris in polipropilene

Colori disponibili:

Sedia Rome

Colori disponibili:

Sedia Venice

Colori disponibili:

Paris in polipropilene

Colori disponibili:

Poltrona Venice

Colori disponibili:

Sphere

Colori disponibili:

Sphere slitta

Colori disponibili:

Spider

Colori disponibili:

Spider slitta

Colori disponibili:

Marte

Colori disponibili:

Mercurio

Colori disponibili:

Sedia Boulevard

Colori disponibili:

Poltrona Boulevard

Colori disponibili:

Tavolo Boulevard

Colori disponibili:
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>